Cassazione Penale – (per giustificare la malattia falsifica la firma del medico: falso e truffa)

15/01/2014

La Corte d’appello di Venezia, in parziale riforma di una sentenza del Tribunale di Vicenza impugnata dall’imputato accusato di truffa e falso ai danni della pubblica amministrazione perché in qualità di pubblico impiegato, mediante artifici e raggiri consistiti nel rappresentare falsamente di essere malato, non prestava la propria attività lavorativa pur facendosi corrispondere la retribuzione – ha dichiarato non doversi procedere nei confronti dell’imputato con riguardo a talune fattispecie di truffa e di falso ormai prescritte, confermando per il resto la penale responsabilità per altri e più recenti episodi e conseguentemente rideterminando la pena.

La Corte di Cassazione chiamata a decidere in via definitiva, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dall’imputato osservando la correttezza delle conclusioni cui erano giunti i giudici dell’appello che avevano affermato la penale responsabilità dell’imputato in ragione della perizia di ufficio con cui era stata accertata la falsità delle firme apposte sui certificati medici nella quasi totalità dei casi e in ragione della deposizione del medico, il quale ha disconosciuto gran parte delle sottoscrizioni.

[Avv. Ennio Grassini – www.dirittosanitario.net]

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp