Procedimento disciplinare: lavoratore non ha diritto di farsi assistere da un legale

Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 11/04/2017 n° 9305

14 aprile 2017 – L’art. 7 dello Statuto dei Lavoratori stabilisce che il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore senza avergli preventivamente contestato l’addebito e senza averlo sentito a sua difesa.

Risultati immagini per procedimento disciplinare

Nel corso della procedura disciplinare il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell’associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato.

La mancata audizione assistita del lavoratore comporta la illegittimità del procedimento e della conseguente sanzione irrogata al lavoratore.

Può il lavoratore pretendere di essere sentito con l’assistenza di un legale anziché di un rappresentante sindacale? Se in questo caso il datore omette l’audizione del lavoratore, la sanzione disciplinare è legittima?

A questa domanda risponde la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza 11 aprile 2017, n. 9305.

procedimento-disciplinare-lavoratore-non-ha-diritto-di-farsi-assistere-da-un-legale

http://www.altalex.com/documents/news/2017/04/14/procedimento-disciplinare-no-assistenza-legale

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp