L’ottimo è il nemico del bene….

Sembrerebbe una contraddizione in termini ma riassume in modo magistrale la situazione paradossale in cui ci hanno messo con l’accordo FNOPI-CNF-CSM.
Ora a pensar male si fa peccato, ma come giustificare un “casotto” di tali dimensioni.
Pensare di “limitare” o peggio “monopolizzare” alcuni ambiti della professione a pochi “fortunati”.
Il dubbio che pervade è che l’unico modo che si è trovato per mantenere i “privilegi” sia “ostacolare” tutti gli altri.
Bisogna strappare a tutti i costi questo velo di autoreferenzialità che alcuni vertici infermieristici sentono innato (imparando dagli altri se occorre.. vedi FNOPO-TSRM-PSTRP).
Tutto ciò evidenzia in talune condizioni tutta la superficialità con cui vengono firmati accordi vitali per la nostra professione.
Nulla valgono gli avvisi “Te l’avevo detto”…..eppure è molto semplice ….”ascolta”.
Ancora una volta crediamo di essere “sepuriori”, ma difficilmente riusciamo ad essere i primi della classe.
FNOPI non pensare all'”ottimo”, pensa al bene dei tuoi infermieri.

Francesco Paolucci, Ufficio Stampa APSILEF.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp