La contenzione e la bioetica

Utile soffermarsi sul dilemma etico che inevitabilmente si accompagna  all’uso della contenzione durante il processo assistenziale.
La contenzione (fisica e non) essendo uno strumento di limitazione della libertà personale inesorabilmente e’ origine di discussione e scontro.
Come sempre bisogna avere ben chiaro il fine a cui si tende (bene del paziente) e gli strumenti messi in campo per raggiungerlo.
Diamo per scontato che il “fine” (seppur nobile)  non sempre giustifica i mezzi e che tale affermazione sia stata interiorizzata da tutti i professionisti dell’ambito sanitario.
Criteri fondamentali sono l’informazione/accettazione, la  proporzionalità, la straordinarietà,  l’assenza di alternative percorribili.
Tutti questi criteri devono essere posti su un “sistema” di bilanciamento con pesi e contrappesi al fine di individuare quell’equilibrio che rende la “contenzione” strumento di cura e non di coercizione.
Risulta facile cadere nell’abuso,  il rischio concreto è che lo strumento non sia finalizzato al raggiungimento del bene del paziente ma bensì quello dell’operatore o dell’organizzazione.
L’ uso ponderato (straordinarietà), limitato nel tempo, proporzionale in base alle condizioni e l’assenza di alternative valide, “nobilitano” l’atto elevandolo a strumento di  “cura”  (mirato all’auto o all’eteroconservazione). in caso contrario si configura come strumento di “tortura” e “violenza”.

A dimostrazione che lo  strumento non è intrinsecamente “cattivo” o “buono”, ma è la giustificazione morale anteposta al suo utilizzo  la vera discriminante.
Francesco Paolucci,  Ufficio Stampa APSILEF.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp