Categoria: notizie

Continue Reading
Continue Reading

Announcement: COMUNICAZIONE

SI RENDE NOTO CHE APSILEF NON HA UFFICIALMENTE RILASCIATO NESSUNA INTERVISTA, INVIATO COMUNICAZIONI O SPEDITO INTERVENTI A NESSUN QUOTIDIANO / GIORNALE SANITARIO ON LINE O CARTA STAMPATA.

SOLO ARTICOLI PUBBLICATI DALL’UFFICIO STAMPA APSILEF.

Inoltre, non esistono fantomatiche “GUERRE” tra associazioni (almeno per quanto ci riguarda), ma solo opinioni diverse.

Continue Reading

Announcement: Nessuno mi può giudicare

……..Cosi cantava Caterina Caselli nel ’66……..

Ma da quegli anni sicuramente l’evoluzione della professione ha subito passi in avanti all’epoca nemmeno immaginabili.

Siamo sicuri che ancora oggi il detto vale ancora? Ho i miei dubbi; possiamo ancora pensare di esserne indenni e anteporre ad ogni valutazione/critica l’autoreferenzialità.

Ritengo che non vi sia cosa più difficile che giudicare l’operato altrui, ed in particolare se questo operato abbia recato nocumento ad altri.

La valutazione del personale in sanità ormai è diventato uno dei momenti fondamentali per decidere se un professionista della salute è idoneo o meno a ricoprire un ruolo o un incarico specifico; garantendo in questo modo all’utente la qualità delle cure da un lato e dall’altro permette alla struttura di modulare un indicatore di performance utile per concertare con il singolo professionista ambiti in cui è necessario un miglioramento.

Ritengo che per ambiti specifici della professione vi sia la necessità di creare percorsi formativi dedicati che siano veramente vincolanti alle finalità che si propongono. Questo permetterebbe di “formare” e non “improvvisare” professionisti che abbiano competenze specifiche nel percorso valutativo sia nell’ambito formativo, clinico assistenziale che in quello medico legale e forense.

La competenza e l’autorevolezza del valutatore rende il giudizio equo agli occhi di chi lo subisce”.

Quello che riscontro è che si tenda a creare percorsi vincolanti a finalità specifiche per poi retrocedere sotto la spinta di pressioni esterne…creando delle ambiguità e promiscuità paradossali. Se da una parte forte e la spinta alla “specializzazione” delle nuove generazioni professionali, è pur vero che non vi è un corrispettivo riconoscimento delle competenze che sono il valore aggiunto alla formazione di base e sulle quali bisogna insistere su un loro riconoscimento formale (culturale ed economico).

Il rimanere generalisti, o peggio “tuttologi” crea disillusioni; saper far tutto a volte corrisponde a non saper far nulla nello specifico.

Se trasliamo queste considerazioni nell’ambito legale e forense si evidenzia ancor di più l’indicazione irrinunciabile ad una formazione “specifica”, vincolante e oserei dire “garantita” di competenze certificate.

Se tale indicazione venisse disattesa in un sistema come il nostro scarsamente meritocratico rischiamo di fare l’ennesimo salto nel vuoto.

Dottor Paolucci Francesco Membro Ufficio Stampa APSILEF.

Continue Reading

Announcement: Valutazioni criminologiche e clinico-forensi

APSILEF propone ai propri associati un interessante Corso di Alta Formazione post master in convenzione con SIKE:

VALUTAZIONI CRIMINOLOGICHE E

CLINICO-FORENSI

Strumenti, metodi ed ambiti d’impiego dell’accertamento tecnico peritale

 

file:///F:/APSILEF/Convenzioni/conv.%20SIKE/valutazioni%20criminologiche%20e%20clinico-forensi%20-%20SIKE-APSILEF%202018.pdf

 

file:///F:/APSILEF/Convenzioni/conv.%20SIKE/Corso%20Alta%20Formazione%20Valutazioni%20criminologiche%20e%20clinico-forensi%202018-2019.pdf

Continue Reading
Continue Reading
Continue Reading

Andavo a cento all’ora…..

Non riusciamo a non essere seri….no proprio no….sembrerebbe uno scherzo ma no…è una “solida realtà (cit. R.Carlino).
Ma è possibile poter svolgere il proprio lavoro o noi infermieri dobbiamo per forza fare altro.
Ora non basta fare quello che non fa il medico, il caposala, l’amministrativo, l’ausiliario e anche l’OSS (per poi sentirsi anche definire deficenti da qualche mente eccelsa) ma anche guidare il mezzo di soccorso …..mi pare veramente un po’ troppo.
Ora ok che il processo di Nursing lo puoi applicare in ogni situazione …ma qui mi sembra un po’ forzato… eppure in determinati contesti sembrerebbe una “competenza” quasi scontata, anzi determinante per ricoprire il “ruolo”.
Quanto oltre dobbiamo denigrare la professione per avere un “rigurgito” di dignità  e decoro.
Esiste un punto di non ritorno o tutto è concesso dato che per “natura” siamo sacrificati all’ideale di servizio e alla abnegazione a tutti i costi.
Il problema è culturale, lo ribadisco…..non essendo riconosciuta la nostra autonomia professionale vi è una subdula “giustificazione” a chiedere altro da NOI, metti una buona base di colleghi ancora legati al mansionario, una classe dirigente assente o asservita ed il gioco è fatto.
Aspettiamoci altre competenze specifiche…..perché no Assaggiatore di minestra.
Francesco Paolucci, Ufficio Stampa APSILEF.
Continue Reading

L’infermiere del terzo millennio: da “Condottiero” a conducente di mezzi di soccorso.

Ancora irrisolta la bagarre in quel di Pistoia-Firenze.
Ci lamentavamo che non consentivano all’infermiere di avere i “mezzi” appropriati per far evolvere la Professione: eccoci il mezzo…di trasporto.
La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni
Cosa hanno in comune un leader, un condottiero, un generale, Caronte e l’infermiere del terzo millennio? Sembra un po’ come intraprendere una parvenza d’ilarità connotando le famose barzellette in voga negli anni ’80, in cui diversi personaggi espressivi di ferrea appartenenza nazionalista, si esprimevano con buffe, dissacranti e tragiche scelte, le quali facevano sprofondare (ma sempre e solo un predestinato) in un abisso senza più ritorno. Di mezzo c’era quasi sempre un nostro connazionale, al quale la sorte era manifestatamente e al di sopra di ogni sospetto, benevola.
Gli altri, del tutto più sfortunati, ma almeno a turno, ruotavano incappando nella sorte disgraziata: il francese, il tedesco, l’inglese, ecc..
Questa farsa finiva, era una barzelletta, divertiva fanciullescamente ma, non dava alcun insegnamento se non quello di essere più oculati nell’avventura di là da venire. Ora, per ciò che ci riguarda, ritornando dalla tangenziale e adoperandoci al nostro scopo comparativo, prendiamo in esame i personaggi d’apertura e sforziamoci di metterli a confronto. Il percorso è breve se si prendono sotto la lente i primi: il leader, il condottiero e il generale, tutti e tre forieri di pura intraprendenza vittoriosa, ricchi di positivo significato e simil venerazione. Mentre andando avanti ci imbattiamo in Caronte e nell’infermiere. Caronte noto per essere il famoso traghettatore di anime dei morti dell’Ade, (il regno dell’oltretomba), nel bene e nel male anche se appartenente ad un mondo indefinito in cui lo stesso Omero non usa una vera dicotomia tra buoni e cattivi, è e rimane pur sempre una figura che, suo malgrado, conduce, porta verso un luogo (le sponde del fiume Acheronte), consentendo l’adempimento di un percorso del “fato” per le povere anime, che lo attendono al di qua del fiume.

Pertanto, per certi versi anch’esso potrebbe essere accomunato ad un leader, ad un condottiero: ha proprie regole distintive, conduce chi a lui si affida verso una mèta risolutiva. Il problema del condurre, prendendo la figura dell’infermiere, mi lascia perplesso e sintomatico nell’allusioni ai miei siffatti personaggi: se mi riferisco ad un infermiere moderno, lo immagino con il massimo di autonomia e responsabilità, slegato dallo stato di bui incatenamenti del passato, pronto ad essere protagonista primario nel panorama sanitario, con accertate e legittimate alte competenze che ormai la Legge ci ha riconosciuto; conduce per mano il paziente attraverso un piano assistenziale ad hoc; conduce ancora battaglie contro i muri di gomma, e tanti eccetera, di cui siamo ben a conoscenza. Ma cosa ci azzecca l’infermiere che conduce i mezzi di soccorso durante le emergenze in quel di Pistoia-Firenze? Ecco cosa conduce l’infermiere del terzo millennio. O sarebbe meglio dire, cosa lo costringono a condurre? La controversia va avanti da lungo tempo, con un’esacerbazione a fine febbraio scorso, ma che ancora nessuno si azzarda a condurre in porto. Demansionamento, mancanza di una regolamentazione, mancanza di titolo specifico, mancanza di una presenza di funzione sanitaria, affacciata più fuori di un balcone. A chi l’interesse della mancata risoluzione? Di chi le colpe? Ecco cosa accumuna la natura dei miei personaggi: l’intraprendenza di tutti e l’autonomia responsabile dell’azione nobile (compreso il povero Caronte), fa si che di “condottiero” si possa disquisire per tutti. Mentre il solito infermiere, per colpa della solita Azienda, del “solito sistema”, si “inspalla” le colpe di noi tutti, ed è costretto più che ad essere chiamato a fare da Condottiero del terzo millennio, ahimè a condurre un mezzo di trasporto, nulla togliendo alla nobiltà d’intenti del contesto.
Ma, forse cogliendo nel sottile, potrei cercare, scavando a fondo, una certa buona propositività intenzionale verso il genio di questo artificio, accorpando Caronte e l’infermiere, in un ultimo salvifico tentativo.
Ma poi penso alla questione che mi conduce a ricordare che: “La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni”!!!

Inf. Legale Forense
Ufficio Stampa APSILEF
Giovanni Trianni

Continue Reading

L’ottimo è il nemico del bene….

Sembrerebbe una contraddizione in termini ma riassume in modo magistrale la situazione paradossale in cui ci hanno messo con l’accordo FNOPI-CNF-CSM.
Ora a pensar male si fa peccato, ma come giustificare un “casotto” di tali dimensioni.
Pensare di “limitare” o peggio “monopolizzare” alcuni ambiti della professione a pochi “fortunati”.
Il dubbio che pervade è che l’unico modo che si è trovato per mantenere i “privilegi” sia “ostacolare” tutti gli altri.
Bisogna strappare a tutti i costi questo velo di autoreferenzialità che alcuni vertici infermieristici sentono innato (imparando dagli altri se occorre.. vedi FNOPO-TSRM-PSTRP).
Tutto ciò evidenzia in talune condizioni tutta la superficialità con cui vengono firmati accordi vitali per la nostra professione.
Nulla valgono gli avvisi “Te l’avevo detto”…..eppure è molto semplice ….”ascolta”.
Ancora una volta crediamo di essere “sepuriori”, ma difficilmente riusciamo ad essere i primi della classe.
FNOPI non pensare all'”ottimo”, pensa al bene dei tuoi infermieri.

Francesco Paolucci, Ufficio Stampa APSILEF.

Continue Reading